x
Questo sito web utilizza Google Analytics e Quandoo per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito e prenotare online . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso di questi cookie leggi qui

Il Pesce

Argentina (Argentina sphyraena ) Linneo, 1758 Vive normalmente tra i 400 e i 600 metri di profondità, a volte arriva anche in superfice nei periodi estivi, le sue carni sono ottime fritte ma particolarmente deliziose crude. Nell' antichità i Romani con le squame costruivano false perle e gioielli

Todaro (Todarodes sagittatus ) Lamarck, 1798 Può raggiungere il metro e il peso di 15Kg, carni buone

Calamaro ( Loligo vulgaris ) Lamarck , 1798 In Liguria da sempre vi è l' abitudine di fare confusioni con i nomi di alcuni pesci e molluschi, come per esempio del Calamaro che qui chiamano Totano, e i Totani li chiamano Totanasse oppure della Ricciola che chiamano Leccia o dello scorfano rosso che chiamano Capone, l' importante è saperlo per sapersi regolare nel momento dell' acquisto. La pesca che si fa nei mesi invernali al tramonto è molto bella, sia a scarroccio che a traina lenta con i classici artificiali giapponesi.

Seppia ( Sepia officinalis) Linnaeus, 1758 La pesca si fa a scarroccio con gli artificiali giapponesi o con la femmina di seppia viva legata, come tra gli umani i maschi quando vedono una bella femmina non capiscono più nulla e si fanno fregare e così se ne possono prendere parecchie.

Suacia cianchetta (Petrallo) (Arnoglossus rueppelii ) Cocco, 1844 Quello che si vede nella foto era da record pesava 800 grammi, è stato servito alla mugnaia ad un amico. Normalmente sono mischiati nella frittura e pesano poche decine di grammi